psicologia
// Homepage : Struttura e persone... : Le Attivitą

LE ATTIVITA'

 

Le attività preminenti che si svolgono nella "Casa La Primula" sono rivolte prvalentemente alla abilitazione sociale dei disabili utenti: sono, pertanto, attività assistenziali, educative, di animazione e cultutrali, finalizzate a :

  • "far emergere" ciò che è già  potenzialmente nella persona;
  • acquisire capacità comunicative, relazionali e personali;
  • realizzare attitudini di integrazione sociale;
  • garantire una assistenza accogliente, corretta, qualificata e sicura.

Dal momento della apertura della Comunità Alloggio il gruppo di lavoro ha lavorato su più fronti:

  • rendere la Comunità sempre meno Struttura e sempre più Casa: spazio riconosciuto ove sentirsi liberi, accolti, protetti, mantenere un clima relazionale positivo tra gli utenti e gli operatori. Un livello di conoscenza reciproco era già presente per precedenti esperienze, ma si cerca di sviluppare quotidianamente un senso di appartenenza al gruppo più profondo;
  • condivisione della quotidianità attraverso una conoscenza reciproca con l'utente: l'operatore prende in carico la persona disabile nella sua globalità (non solo cura fisica ma anche benessere fisico ed affettivo);
  • attenzioni rivolte alla singola persona: per ognuno è contemplato un progetto educativo costituito sulla base delle caratteristiche e delle necessità individuali. Ciò accomuna tutti i progetti è un percorso indirizzato al "sentirsi adulti" ed essere riconosciuti come tali (autodeterminazione, potenziamento delle proprie autonomie, cura personale, sociale, ecc.)

Tutto ciò si cola nella vita di tutti i giorni e fa ruotare la vita di Comunità attraverso vari momenti:

  • coinvolgimento attivo in alcuni compito del menage domestico (spesa settimanale, sistemazione della propria camera, scelta del menù settimanale);
  • mansioni distribuite al momento dei pasti (preparare e spreparare la tavola, portare i piatti in tavola, servire le pietanze, ecc.)

Il senso di appartenza di gruppo viene sviluppato e mantenuto attraverso vari momenti: dalle semplici chiacchierate o uscite, alla riunione congiunta settimanale.

In tale occasione: i giovani adulti della Comunità si ritrovano con l' Educatrice, la Coordinatrice e gli operatori di turno in uno spazio dedicato alle comunicazioni e decisioni collettive, avvenimento che diventa sempre più espressione e condivisione di argomenti da affrontare e superare (rivisitazione critica dei principali momenti della settimana trascorsa e pianificazione quotidiana/settimanale delle prossime attività).

Con particolare attenzione vengono sviluppate e seguite le attività di tempo libero, percorsi di svago e divertimento collettivo in attività diversificate con lo scopo di far apprendere ed utilizzare agli utenti disponibili abilità di natura sociale ed integrativa; altra finalità non meno importante, è la ricerca della collaborazione con il Territorio attraverso il coinvolgimento diretto di chi conduce l'attività ("l'esperto") dei volontari che coadiuvano la sua azione e di altri operatori.

Partendo dalle richieste e preferenze degli utenti disabili nell'anno 2005 sono state effettuate le seguenti attività e pratiche di laboratorio:

*ceramica (in uno specifico stabile esterno)

*cineforum

*2 uscite al mese (su percorsi ed itinerari vari precedentemente illustrati)

*musica (con l'ausilio di esperti professionisti)

*pittura

*danza

*attività motoria

*attività conoscitiva della natura

Sono note collaborazioni con diversi Gruppi Sociali ed Associazioni del territorio, con risposte significative e di ampliamento di singoli progetti: le varie attività sono state per lo più svolte nella "Casa La Primula", gli esperti hanno messo a disposizione la loro "arte" con ricchezza di relazioni appaganti.


Banca di Monastier e del Sile